GreenRouter

I territori della sostenibilità

L’inquinamento atmosferico ha effetti globali di lungo termine sul clima e locali di breve periodo sulla salute. L’OMS nel 2018 ha stimato che più del 90% dei bambini è esposto agli effetti dell’inquinamento, un dato che testimonia la necessità e l’urgenza di misurare e ridurre le emissioni

 

green router_logo

GreenRouter è una start up innovativa che consente alle aziende di monitorare e migliorare l’impatto climatico (Carbon Footprint) della propria logistica. Nata nel 2016, GreenRouter ha sviluppato in Italia il primo tool manageriale certificato per la misurazione delle emissioni atmosferiche di gas serra e polveri sottili. Oltre alla misurazione, il tool permette di eseguire simulazioni complesse sulla supply chain aziendale per sviluppare soluzioni di miglioramento della performance ambientale.

 

GreenRouter & GLEC: promuovere l’adozione di un framework per misurare le emissioni della logistica

Dal 2018, GreenRouter fa parte della Piattaforma tecnologica europea ALICE, la cui mission è promuovere l’innovazione nel settore della logistica, dal punto di vista tecnologico e ambientale, anche per fornire risposte alle preoccupazioni legate agli impatti del trasporto merci. Tra le varie attività, GreenRouter partecipa al Gruppo di Lavoro “Sustainable Logistic-Supply Chain” che lavora a soluzioni per la transizione verso una logistica che sia “Sustainable, Safe and Secure”. Particolare attenzione è rivolta verso l’impatto ambientale causato dalle emissioni atmosferiche: a tal proposito l’obiettivo è il raggiungimento di una logistica a bassa intensità di carbonio, coerentemente con l’obiettivo al 2050 “Zero Emissions Logistics” che i membri della Piattaforma si sono posti. Il Gruppo di Lavoro è coordinato dallo Smart Freight Center di Amsterdam, centro di competenza che da anni lavora alla standardizzazione delle metodologie di calcolo, al fine di renderle più facilmente utilizzabili e garantire la comparabilità dei risultati. Tali sforzi si sono concretizzati nello sviluppo del GLEC Framework for Logistics Emissions Methodologies, protocollo che GreenRouter sta implementando nel proprio software, con l’obiettivo di certificare le proprie metodologie di calcolo in conformità ad esso. Sempre in questa direzione devono essere interpretati gli sforzi di GreenRouter e degli altri membri di ALICE al fine di promuovere l’adozione di uno standard riconosciuto e applicato a livello internazionale che, partendo dal protocollo GLEC, arrivi a formalizzare una norma ISO per la rendicontazione delle emissioni di gas serra legate a trasporti e logistica. L’adozione di uno standard universalmente riconosciuto e applicato risulta di fondamentale importanza per rendere la misurazione dell’impatto climatico dei network logistici una prassi consolidata e standardizzata, promuovendo la rendicontazione e la gestione dal punto di vista manageriale delle emissioni di gas serra.

La sostenibilità nella Supply Chain di Prysmian Group
Ecologistico2: misurare l’impatto climatico della logistica
Annual report 2017 – Conad