Pirelli

I territori della sostenibilità

Pirelli è attenta al rispetto dei territori e alle comunità in cui opera, sia direttamente, laddove presente con i propri siti produttivi, che indirettamente, lavorando quotidianamente alla sostenibilità della propria catena di fornitura

 

Fondata a Milano nel 1872, Pirelli è uno dei principali produttori mondiali di pneumatici, focalizzato al mercato Consumer (pneumatici per auto, moto e biciclette). Con un posizionamento distintivo nel segmento High Value, Pirelli è impegnata costantemente nel registrare miglioramenti nella propria performance di sostenibilità in termini di efficienza energetica, ricavi da prodotti green performance, risparmio di risorse naturali e crescita delle ore di formazione.





 

La sostenibilità della catena di fornitura della gomma naturale

Con l’obiettivo di promuovere e sviluppare un approvvigionamento sostenibile e responsabile di gomma naturale lungo tutta la catena del valore – dai farmer ai dealer, dai processatori ai venditori, fino ai produttori – nel 2017 Pirelli ha emesso la Sustainable Natural Rubber Policy, elaborata sulla base di consultazioni con ONG internazionali, i principali fornitori di gomma naturale di Pirelli, i commercianti e gli agricoltori della catena di approvvigionamento, clienti automotive e organizzazioni multilaterali internazionali. Nel 2018, per agevolare l’implementazione della Politica, Pirelli ha redatto un Manuale di Implementazione, anch’esso risultato di un attivo coinvolgimento degli stakeholder e ha, inoltre, pubblicato una Roadmap 2019-2021, nella quale vengono dettagliate le attività su cui l’azienda si impegna a supportare la propria catena di fornitura nell’implementazione della Policy. La Sustainable Natural Rubber Policy di Pirelli – che non possiede piantagioni e quindi implementa la propria strategia di sostenibilità attraverso partnership con i propri fornitori – mette al centro le persone e l’ambiente. È per promuovere la conoscenza della gomma naturale, condividere l’impegno di preservare la biodiversità e supportare lo sviluppo delle comunità ed economie locali, che Pirelli ha lanciato “Per andare veloci bisogna saper aspettare”, la piattaforma digitale che trae origine dal reportage realizzato dal fotografo e scrittore Alessandro Scotti tra Indonesia e Thailandia, due dei maggiori produttori del lattice estratto dall’albero della gomma, e documenta il minuzioso lavoro e il lento processo con cui si estrae il lattice, le lunghe attese per la solidificazione della gomma in armonia e nel pieno rispetto dei tempi e dei ritmi della natura, fino al prodotto finito, il pneumatico, protagonista del mondo veloce delle competizioni sportive. Due realtà lontane, ma collegate, vengono raccontate per far comprendere i passaggi che separano il lavoro e i ritmi dei farmer dal mondo tecnologico, veloce e complesso, della produzione industriale.

Piattaforma digitale sulla Gomma Naturale
Stories: per andare veloci bisogna saper aspettare
Stories: reportage di Alessandro Scotti nel mondo della gomma naturale