Athics

logo_athics

CRAFTER.AI™ è la piattaforma di Conversational AI per la creazione di assistenti virtuali sviluppata da Athics, la società del Gruppo Yoda che si occupa di cognitive science.La piattaforma “No Code AI” in modalità “SaaS-Software as a Service” consente di mettere velocemente in produzione il proprio assistente virtuale senza ricorrere a competenze tecniche e di sviluppo e permette ai clienti di usufruire dei vantaggi dell’intelligenza artificiale a un costo fisso di abbonamento. I virtual assistants creati con CRAFTER.AI™ arrivano a gestire oltre il 98% delle conversazioni in autonomia e coinvolgono gli utenti in conversazioni personalizzate in linguaggio naturale.


Gli assistenti virtuali di CRAFTER.AI™ nel progetto RE-Hub-ILITY

Re-hub-ility è il progetto di ricerca, finanziato da Regione Lombardia per 3,8 milioni di euro, nell’ambito dei fondi europei del “Programma Operativo Regionale (POR) Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020”.Il progetto è guidato dall’ICS Maugeri Spa Società Benefit, con la collaborazione di Università di Pavia, Università Cattolica, Università di Napoli Federico II e un pool di aziende di innovazione sul territorio lombardo, tra cui Athics, la società del Gruppo Yoda, specializzata in cognitive science e proprietaria di CRAFTER.AI™.Obiettivo del progetto è di sviluppare e validare strategie riabilitative e di assistenza al paziente cronico, attraverso la realizzazione tecnologica e sostenibile di un’infrastruttura ICT innovativa per l’erogazione di prestazioni di riabilitazione domiciliare personalizzata del paziente.Athics ha accettato la sfida di realizzare per Re-hub-ility un chatbot capace di massimizzare l’aderenza del paziente al piano di riabilitazione proposto dai clinici. Il chatbot sarà l’interfaccia di “virtual coaching” del progetto, attraverso cui dare risposta alle richieste più frequenti dei pazienti in maniera personalizzata in base ai dati di profilo dell’assistito, con l’obiettivo di favorire l’interazione col programma e l’aderenza alle terapie.

Il progetto Re-hub-ility