Fairtrade Italia

Fairtrade Italia rappresenta il Marchio di Certificazione FAIRTRADE nel nostro paese dal 1994. Lavora in partnership con le aziende concedendo in sub-licenza il Marchio FAIRTRADE a garanzia del controllo delle filiere dei prodotti provenienti dai Paesi in via di sviluppo, nel rispetto dei criteri di terzietà che l’ente di certificazione assicura. Supporta le aziende nell’approvvigionamento di materie prime certificate e nel consolidamento delle filiere in base alle richieste specifiche dei propri partner.


Cotone certificato Fairtrade: una scelta sostenibile per le persone e per l’ambiente

L’approccio alla sostenibilità del marchio di certificazione Fairtrade tiene conto dei suoi 3 pilastri: sociale, ambientale ed economico. Al centro del nostro sistema sono i produttori agricoli e i lavoratori del Sud globale che coltivano le materie prime più scambiate al mondo: caffè, cacao, frutta tropicale, zucchero di canna, cotone. Fairtrade è l’unica certificazione a fissare un Prezzo Minimo per i principali prodotti, rete di salvataggio quando i prezzi di mercato sono troppo bassi. E un Premio, un sovrapprezzo che le comunità di agricoltori e lavoratori possono destinare a progetti sociali, educativi e sanitari o al miglioramento qualitativo. Una delle materie prime più importanti dell’industria tessile e più critica dal punto di vista ambientale e del rispetto dei diritti umani è quella del cotone. La certificazione Fairtrade, dal punto di vista ambientale assicura: uso di agrochimici di sintesi limitato e controllato: utilizzo delle acque pluviali per l’irrigazione; divieto di utilizzo di OGM; formazione su tecniche agricole a basso impatto ambientale; protezione della biodiversità; misure che prevengano il depauperamento del suolo. Dal punto di vista sociale il Premio Fairtrade viene utilizzato per la fornitura di attrezzi agricoli; per servizi di finanziamento e credito; per la costruzione di scuole e il pagamento delle rette scolastiche; per aumentare il reddito degli agricoltori. Fairtrade inoltre lavora nella certificazione del processo di lavorazione in modo che tutti i passaggi di lavorazione, dalla sgranatura al prodotto finito, siano controllati per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani, da un ente di certificazione esterno, Flocert. Le aziende possono quindi scegliere Fairtrade se vogliono acquistare tutto il loro cotone a condizioni Fairtrade; se ne vogliono acquistarne una parte, con l’impegno a incrementarne la quota; se vogliono certificare il proprio processo produttivo, con l’impegno a pagare un salario dignitoso ai lavoratori della filiera di fibre etiche riconosciute.

I produttori di cotone Fairtrade
I prodotti in cotone Fairtrade
Un nuovo progetto per il cotone biologico
Un cotone equo anche per l’ambiente