Swiss Post Solutions

Swiss-Post-Logo

Swiss Post Solutions Italia è una società di servizi che opera in ambito gestione documentale (sia in entrata che in uscita, dalla scansione alla stampa su ogni tipo di formato) e outsourcing (sale posta, corrieri, PEC, reception, lavorazioni documentali semplici e complesse…).


SPS green

Per la tipologia di lavoro di Swiss Post è normale il ricorso ad alti volumi di energia elettrica e l’utilizzo di una flotta dimensionalmente ampia che ha richiesto, in ottica di sostenibilità, scelte importanti che hanno precorso in parte i tempi.
In questo contesto si è sviluppato il percorso SPS green che in collaborazione con partner tecnologici ha portato da un lato a un’importante riduzione dell’impronta di CO2 e dall’altro un maggiore benessere ai dipendenti.

Dal 2018 sono stati ripensati gli spazi, l’ergonomia, il condizionamento e l’illuminazione degli hub di servizio di San Donato Milanese e Roma oltre che l’headquarter di Milano in collaborazione con lo Studio Cifarelli, attraverso una migliore ergonomia, la coibentazione e un’illuminazione basata esclusivamente su LED. Il progetto si è sviluppato a partire dal 2018 ed è uno dei pilastri della strategia di sostenibilità verso ambiente e personale.
Il ripensare spazi e vivibilità ha portato a modificare anche la filiera di approvvigionamento dell’energia che, sempre dal 2018, si basa su una fornitura per tutti i siti da parte di Repower e proveniente da impianti esclusivamente idroelettrici.
Questa energia è utilizzata sia per la parte di illuminazione, che come forza motrice (preponderante per la presenza di scanner, server e PC dedicati alla componente di scansione e indicizzazione) che per la componente di ricarica dei veicoli elettrici e ibridi. Proprio la componente di gestione della flotta è l’aspetto più evidente di questo progetto poiché con circa 500.000 km percorsi all’anno la flotta SPS collegando tutto il territorio nazionale, ha richiesto un profondo ripensamento.

Dal 2019 sono in uso le prime auto elettriche (Renault ZOE) e gradualmente sono state introdotte le Nissan Leaf, cui si è affiancato l’utilizzo di trike a pedalata assistita (LAMBROgio di Repower di cui SPS è stata early adopter quando ancora era in fase di prototipo), biciclette e motorini per le consegne di prossimità all’interno della stessa città. Le stazioni di ricarica sono di proprietà e all’ottenimento delle autorizzazioni potranno essere offerte a titolo parzialmente gratuito alla cittadinanza dei siti dove SPS è presente.

E’ previsto il raggiungimento di una flotta completamente elettrica, al netto delle lunghe percorrenze ancora di difficile gestione, entro il 2025.