Willy Reggioni

Willy Reggioni

Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano

Responsabile Servizio Conservazione della Natura

Laureato con Lode in scienze forestali all’Università degli Studi di Padova nel 1992, ha iniziato la sua carriera professionale nel 1993 nell’ambito del Parco regionale dell’Appennino Reggiano
in qualità di responsabile dell’ufficio Conservazione della natura.
Nel 1996 é Project manager di un primo progetto LIFE Natura per la conservazione del lupo nel Parco regionale a cui è seguito un secondo nel 2000 sulla conservazione del lupo esteso a tre parchi regionali dell’Emilia-Romagna nel quale ha assunto il ruolo di coordinamento tecnico. Nel 2006 è entrato nello staff del Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano dove ha coordinato localmente, a partire dal 2008, un terzo progetto europeo per la conservazione del lupo che ha visto coinvolti il Parco nazionale del Gran sasso e Monti della Laga, Il Parco nazionale dei Monti Sibillini e partner rumeni e greci. Dal 2009 ha attivamente collaborato alla realizzazione dei progetti LIFE Gypsum e Barbie nel territorio del Parco nazionale. Nel 2014 ha assunto il ruolo di Project manager del progetto LIFE .M.I.R.Co-lupo in cui è stata sperimentata per la prima volta in Europa la “rimozione riproduttiva” degli ibridi lupo x cane allo scopo di minimizzare gli effetti negativi dell’ibridazione sul patrimonio genetico della specie lupo. Dal 2012 dirige il Wolf Apennine Center che ha attivato rapporti di collaborazione, tra gli altri, con Regione Emilia-Romagna, Regione Liguria, Regione Lazio, Regione Basilicata, Città Metropolitana di Roma e l’Ente di Gestione delle Aree protette dell’Appennino Piemontese.
Dal 2018 è responsabile del Centro Uomini e Foreste del Parco nazionale nell’ambito del quale coordina diversi progetti inerenti la mitigazione e il contrasto al cambiamento climatico. E’ il responsabile del Gruppo di Certificazione di Gestione Forestale Sostenibile e Responsabile “Appennino tosco-emiliano”.